Maternità e lavoro: le novità 2019

News

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Novità in arrivo il prossimo anno per le future mamme: la nuova manovra del Governo starebbe apportando delle modifiche al congedo di maternità e al bonus bebè.

Congedo di maternità: cos’è e cosa potrebbe cambiare nel 2019
Il nostro ordinamento prevede che durante il periodo di gravidanza le lavoratrici debbano astenersi dal lavoro per un determinato arco temporale: è il congedo di maternità.
Un emendamento entrato nel testo della prossima manovra di bilancio interviene sulle attuali disposizioni, dando la possibilità alle future mamme di restare a lavoro fino al nono mese di gravidanza, ma solo se il medico certificherà che “tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro”. I cinque mesi di congedo risparmiati – finora obbligatori prima del parto e retribuiti senza alcuna decurtazione – potranno essere utilizzati dopo il parto.
Il testo spiega che “è riconosciuta alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l’evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso”.

Bonus bebè: come funziona per i nati dal 1° gennaio 2018 e cosa potrebbe cambiare dal 1° gennaio 2019
Il bonus bebè, conosciuto anche come “bonus natalità INPS”, consiste nell’erogazione di un assegno mensile per ogni figlio nato – o adottato – nel periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018. L’importo del contributo varia da un minimo di 80 euro a un massimo di 160 euro mensili, in base al reddito ISEE.
Una delle novità del prossimo anno riguarda l’importo del bonus bebè a partire dal secondo figlio: potrebbe essere previsto un aumento del 20% sull’assegno, nel rispetto dei limiti ISEE, per un totale di 1.152 euro annui (cioè un assegno mensile di 96 euro). L’importo potrebbe essere, inoltre, differenziato in base a quattro distinte soglie di reddito, a fronte delle due attuali, calcolate in base al valore del modello ISEE.
La proposta è di inserire due ulteriori scaglioni, per garantire una maggiore distribuzione dell’assegno, di 130 euro (ossia 1.560 euro all’anno) e 100 euro mensili (pari a 1.200 euro annuali), sempre distribuiti in base al reddito ISEE.
Attualmente non è chiaro se a partire dal prossimo anno il bonus bebè avrà una durata triennale o se sarà confermata l’erogazione solo per il primo anno di età del figlio.
Bisognerà attendere l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2019 per stabilire una conferma dell’incentivo.

Menu